Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog
/ / /

Scritto da Camelot

Tutti quelli che hanno fretta di cambiare il mondo stanotte, domani mattina se ne saranno scordati.

A tutti lascio una via, che è la terza. La via di fare le stesse cose in altro modo. Più di tutto la lascio a quelli che hanno sempre ragione, che non sanno cosa significhi essersi sbagliati, a quelli che quando sbagliano è perché qualcuno, prima, ha fatto altro. A questi lascio anche un orologio, perché possano guardare sempre l’ora esatta, delle loro nefandezze e portarsi il conto, sempre, di cosa è successo prima. La terza via la lascio da finire e vi prego di finirla, perché è una via che sarà sempre troppo stretta per quanto abbia tentato in ogni modo di allargarne l’ingresso per farla imboccare da più gente possibile, sarà sempre troppo lunga per quanto io l’abbia consigliata a tutti, sarà sempre troppo tortuosa per tutti quelli che hanno fretta di cambiare il mondo stanotte e domani mattina se ne saranno scordati. E useranno l’orologio di cui sopra per ricordarsi cosa è successo prima, non sapendo che quell’orologio non permette di portare indietro il tempo, che è l’unica cosa di cui hanno bisogno, ma che io non posso lasciare perché non ce l’ho.
A tutti i miei amori passati lascio una canzone, che è “luci a San Siro” se ascoltano bene c’è qualcosa che li riguarda, se fossero stati capaci di ascoltare non sarebbero passati, ma forse non sarebbero stati amori. Lascio “balliamo sul mondo” a scot (usati pure "su e giù da un palco" se non ce la fai da solo ti aiuti Ale), “canzoni alla radio” a Baggio, “souvenir” a Niki, Fede, Parent, Fredo, Mary, Lau, Capo e tutti quelli che andarono e che non sono mai veramente tornati da Santorini. Lascio “Più su” a tutti quelli che indegnamente ho comandato, e la dedico a Gasparov, the Bull, Emil, Angelino, Carlucciegl da cui ho imparato, ho solo imparato, ho tanto imparato e mai li avrei eguagliati. “la città vecchia” è per il mio paese, per la mia infanzia, per Vento che non lo dimenticherò mai e per tutti quelli che mi portarono per mano al circolo, li ho lasciati lì, sarei passato prima o poi a riprenderli. A quelli che ho incrociato vestiti di verde “la guerra di Piero”, che prima che me la cantasse Piero era solo una battaglia, adesso è la guerra e anche se Piero già ne ha una, anzi due, si prendesse anche questa. Lascio “amico fragile” a baglieri, ma la canzone è per me, lui deve solo conservarmela, perché è bravo e silenzioso, a lui lascio “una nuova canzone per lei” anche se lei non c’entra niente.
La pedalata di Bugno la lascio a tutti quelli che hanno amato una bicicletta, fosse anche quella del nonno chiusa in soffitta. Lascio 30 denari, c’è la fila di quelli che se li sono meritati…non accapigliatevi…non è da voi. Lascio un sacco di Sogni, li ho cominciati, quasi tutti li ho lasciati a metà, ma non sono rovinati, qualcosa ci si può ancora sperare dentro, ma bisogna essere capaci di sognare e non solo ad occhi chiusi.

Condividi pagina

Repost 0
Published by

Presentazione

  • : Tutti contro.......!!!! by clod
  • Tutti contro.......!!!!  by clod
  • : La pressione dell’omologazione, l’egoismo altrui lo hanno spinto verso la più triste e irreversibile delle scelte Con lui si è chiusa l’epoca degli ideali della società nuova. Ora, in questa fase di passaggio, dove il ricordo di quegli ideali fluttua nell’aria, sta a noi restituire fiato alle travolgenti spinte del secolo scorso.
  • Contatti

Archivi