Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
26 aprile 2009 7 26 /04 /aprile /2009 09:13

Città del Messico, 26 apr. (Apcom) - Il Messico e i suoi 20 milioni di abitanti si fermano: le autorità hanno sospeso tutte le attività previste oggi, funzioni religiose comprese, per tentare di arginare il virus dell'influenza suina, che ha causato 20 decessi confermati nel paese su 81 "presunti". Fino ad oggi, 1.324 malati sono stati messi o sono ancora sotto attento controllo medico. Il nuovo virus "potrebbe chiaramente provocare una pandemia", secondo l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità. Non può essere arginato, hanno aggiunto le autorità sanitarie americane. Poco dopo, annunciavano di aver scoperto due nuovi casi in Kansas. Un gruppo di esperti americani sono arrivati in Messico per lavorare con le autorità sanitarie locali. Il primo obiettivo è quello di contenere il più possibile il dilagare dell'epidemia. Il Messico ha confermato che tutti i casi registrati nel paese provengono dal contagio umano, cosa che preoccupa particolarmente l'Oms. Sebbene non sia stato registrato nessun nuovo caso nella capitale nelle ultime 24 ore, il Messico ha rafforzato le misure anti-contagio con un decreto presidenziale: isolamento dei malati, diritto delle autorità a entrare in qualsiasi locale, a controllare i viaggiatori, i bagagli e le merci. La Chiesa cattolica, che in Messico conta il più grande numero di fedeli al mondo dopo il Brasile, ha annullato le messe oggi nella capitale, rispondendo all'appello del ministro della Sanità alla sospensione delle riunioni pubbliche di qualsiasi natura, siano esse culturali o sportive. Scuole e università, feme da venerdì, non saranno riaperte fino al 6 maggio. Oggi, i due incontri della prima divisione di calcio previsti nel paese saranno disputati a porte chiuse. L'aeroporto della capitale resta aperto, ma dei team medici sono sul posto per occuparsi dei passeggeri. Le autorità messicane hanno ribadito che esiste un farmaco anti-virale efficace, migliore della vaccinazione di massa inizialmente annunciata. Per l'Oms il tempo stringe e la malattia si estende. Negli Stati Uniti, i due nuovi casi individuati in Kansas si aggiungono a quelli scoperti in California a Texas. Casi sospetti sono stati rilevati anche a New York su 75 studenti che presentavano sintomi, benigni, dell'influenza, secondo le autorità sanitarie della città. La notizia che molti di loro sarebbero stati recenemente in Messico non è stata confermata. A Londra, uno steward della compagnia British Airways che rientrava dal Messico è stato ricoverato, con sintomi che assomigliano a quelli dell'influenza. A Bogotà, cinque viaggiatori in arrivo dal messico e con sintomi presunti sono stati visitati. Numerosi paesi sudamericani hanno decreato lo stato d'allerta sanitaria o annunciato misure preventive. La Spagna ha invitato alla prudenza prima di andare in Messico e la Francia ha annunciato la creazione di un centro di crisi. E' invece ancora in fase di valutazione l'opportunità di assumere iniziative relative a controlli alle frontiere in Italia, che, ha fatto sapere il ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali, sta monitorando ora per ora, in costante contatto con gli organismi europei e internazionali, l'evolversi della situazione in Messico e negli Stati Uniti. Cuc

 

(ASCA-AFP) - Mexico City, 25 apr - Sale la preoccupazione in Messico e negli Stati Uniti per una possibile pandemia provocata dall'influenza suina che ha gia' ucciso piu' di 60 persone nel paese Centro americano, infettandone circa 8 negli Stati Uniti. Le autorita' di entrambi i paesi stanno infatti adottando misure di emergenza per cercare di contenere l'espandersi dell'influenza. Il ministero della Salute messicano, per ora, ha confermato la morte di 20 persone per l'influenza suina, ma ci sono riscontri che alttre 40 morti siano da addebitare alla malattia. ''Ci sono 60 decessi che presentano cause di morte similari'', ha detto il ministro della Salute, Joese Angel Cordova. Le autorita' hanno lanciato una massiccia campagna per prevenire il diffondersi del virus, chiudendo le scuole e lanciando appelli alla popolazione per evitare i contatti pubblici. Intanto, sono 943 i casi al vaglio per possibile contaminazione da virus. Negli Stati Uniti e in particolare a New York, 75 studenti sono stati posti sotto controllo medico dopo aver riportato sintomi attribuibili all'influenza suina. Lo riporta la Cnn. L'Organizzazione modiale della sanita' ha emesso un allarme di massima allerta, inviando i suoi maggiori esperti in Messico e negli Stati Uniti anche per evitare il diffondersi dell'influenza in tutto il mondo.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Tutti contro.......!!!! by clod
  • : La pressione dell’omologazione, l’egoismo altrui lo hanno spinto verso la più triste e irreversibile delle scelte Con lui si è chiusa l’epoca degli ideali della società nuova. Ora, in questa fase di passaggio, dove il ricordo di quegli ideali fluttua nell’aria, sta a noi restituire fiato alle travolgenti spinte del secolo scorso.
  • Contatti

Archivi